UN SOLO PICCOLO GESTO…

risparmiIl risparmio e’ la primissima risorsa di investimento che abbiamo a disposizione. Pensate un attimo alla forza che ha ed al controllo che possiamo avere su di esso. Prendiamo un esempio. Parliamo di 200 euro. Possono essere tanti, possono essere pochi. Ognuno ha la sua percezione di quanto valgono e quanta fatica si fa a guadagnarli. Ora pensiamo per un attimo a quanto tempo ci vuole per avere un aumento di 200 euro. Sono convinto che per un bel 60% degli Italiani possono passare almeno 2,3 anni almeno. A volte di più. Adesso invece penso a quanto in fretta posso spendere 6.5 euro in meno al giorno. Fanno quasi 200 euro al mese. Possono essere anche 3, 4 euro al giorno che posso tagliare, il concetto e’ lo stesso. Una birra in meno, ridurre le sigarette, un pasto portato da casa, un giro di 50 km in meno in macchina, qualche treno in più, e qualche pacchetto di brioches in meno oppure qualche app inutile che si poteva anche lasciare su internet, qualche canale in meno sulla paytv….Non insegno a nessuno ad essere bravo con i propri soldi, ognuno sa il fatto suo. Metto pero’ l’ attenzione sul come sia estremamente più  facile “far saltar fuori”  cento, duecento euro al mese rispetto all’ ottenere un aumento al giorno d’ oggi. Per arricchirsi si deve fare leva su cio’ che possiamo controllare e meno su cio’ che non dipende da noi.

A me piace programmare e prevedere dove la mia vita e le mie finanze stanno andando. Con dei margini certo, ma anche con una discreta previsione.

Quattro anni fa, con mia moglie,  ogni mese dicevamo che quello che avanzava lo avremmo messo via ed investito. Stavamo attenti tutto il mese e poi arrivavamo alla fine che i soldi avanzati erano meno di quello che speravamo. Avanzavamo il 2 o 3% dei nostri stipendi. Era qualcosa ma non facevano un granché. Il mese successivo ancora stavamo attenti, confrontavamo i prezzi, rinunciavamo a piccoli vizi come fanno tutti: stesso risultato, mancato il budget!

Stufo di vedere che niente succedeva un mese ho cominciato a cambiare un semplice passaggio. Ho cambiato un solo gesto. Insieme e’ cambiato il corso delle nostre finanze.  Ho smesso di aspettare la fine del mese. Appena gli stipendi sono arrivati ho investito il mio 10% direttamente, prima di pagare ogni singola bolletta. Mi dicevo se succede qualcosa o se c’e’ bisogno ho sempre quella piccola riserva investita. Non ho detto niente a mia moglie ed il mese e’ passato. Indovinate un po’? Siamo arrivati in fondo al mese senza nessun problema i soldi ci sono bastati. Il mese successivo stessa cosa.

Passati 4 mesi avevo messo via quasi il triplo di quello che riuscivamo a fare prima. In più c’era stato anche qualche guadagno da quegli investimenti. Naturalmente ho fatto poi vedere a mia moglie i conti.  Sono fortunato perché so che e’ un donna intelligente ed con le stesse mie  ambizioni. L’ esperimento ha fatto centro e lei ha capito al volo che si poteva fare, e dal mese dopo abbiamo iniziato a mettere via il 12% di entrambi gli stipendi. Ogni mese entravano gli stipendi e subito toglievamo quello che era destinato al nostro fondo. Quello che avanzava ci doveva bastare punto e basta. Abbiamo battezzato il nostro fondo “Polinesia”, perché sarà in un isola da quelle parti che andremo in pensione prima dei 50! Negli anni il nome del fondo e’ già cambiato dieci volte perché le isole tra cui scegliere sono troppe. Quello che non e’ cambiato e’ la precisione della nostra abitudine a investire prima per noi e poi vivere con il resto.

Penso che molto sia dovuto al fatto che se si hanno i soldi in mano si spendono facilmente. Quelli che non vedi sono i soldi che non spendi. Provate ad uscire senza contanti ogni tanto. Oppure quando dovete usare il bancomat,  prendete come abitudine di prelevare dieci euro in meno. Anche una volta si una volta no.  Sono convinto che sarete felici di vedere i risultati molto più  in fretta e facilmente che aspettare il prossimo aumento!

Ciao e a presto!

 

(Visited 663 times, 1 visits today)

No Responses

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *