Quanto conta essere focalizzati.


Per gli amanti delle statistiche, la prima settimana borsistica di un nuovo anno segna il passo per i dodici mesi a venire. Un anno che comincia in positivo ha ottime probabilita´ di finire col segno positivo. Purtroppo non e´sempre vero il contrario.

Come abbiamo potuto vedere durante il 2016, una rovinosa partenza senza precedenti storici,  non si poi conclusa in un anno negativo. Tutt´altro. Da Novembre ad oggi il rally sta continuando impetuoso. Le danze vanno avanti.

Purtroppo pero´ non sono tra quelli convinti che il 2017 potrebbe essere un annata tanto buona. Come gia detto qualche settimana fa comincio a non sentirmi a mio agio con questa crescita e ritengo che ci stiamo serenamente scollando dalla realta´. Troppo proiettati verso cio´ che dice Mr Trump. Per dirla tutta sto tenendo sotto stretto controllo alcuni indicatori come disoccupazione, inflazione e tassi d´interesse ( US) perche´per come la vedo io, i valori “ toro” si stanno gradualmente deteriorando. Uso una formula che intreccia questi 3 parametri ogni mese e quello che noto e´ che si sta andando silenziosamente fuori giri. Non credo che ci saranno sorprese nel breve per quel che riguarda la disoccupazione e la crescita dei tassi americani, ma comincio a credere che con la ripresa del prezzo del petrolio ci saranno una serie di rincari a catena che faranno salire l´inflazione. Qui sta la mia preoccupazione. Se l´inflazione prende a salire troppo in velocemente, allora  l´equilibrio tra i tre fattori chiave elencati sopra,  comincia a saltare. Se in combinazione la Fed alza i tassi piu´ rapidamente di quanto annunciato allora e´tempo di abbandonare la nave. Ma con calma, se no si crea ressa verso le scialuppe…

Sono solo pensieri e riflessioni di inizio anno. Forse e´che mi sento poco a mio agio quando durante le feste sento parenti e vecchi amici che iniziano a chiedermi in cosa investire in borsa. Gli stessi che fino a due tre anni fa mi dicevano che ero pazzo ad investire in azioni…. In realta´ pero´ e´ancora peggio quando alle prossime vacanze saranno loro a dirmi cosa e´meglio comprare… Allora si che saremo sull´orlo del baratro della nuova recessione!

Veniamo quindi al bilancio di Dicembre, mese che ha chiuso con un buon cash flow positivo, ma non ottimo come Novembre (+10100$). Considerando una volatilita´ piatta che ha raggiunto i minimi di 10/11 punti devo essere felice di aver portato a casa premi totali per 5565$ riportando il capitale oltre la soglia dei 181000$.  A caval donato non si guarda in bocca!

Non durera´a lungo perche´ ogni estremita´della volatilita´ ( sia verso l´alto che verso il basso) non tende a durare a lungo. Quindi i premi per le opzioni aumenteranno presto abbiate pazienza. Ho provato anche a speculare un po´sul VIX ( indice della volatilita´ detto anche della paura) comprando per una volta opzioni anziche´venderle. Ho comprato solo qualche opzione giusto per provare, per circa 1500 dollari, quando il Vix era a 12.70 e ho rivenduto quando era a 13.5. Credo di aver portato a casa un guadagno di 180$ nel giro di pochi giorni. Niente di spettacolare ma sempre qualcosa. Ci vogliono movimenti piu´forti per fare bei numeri e sinceramente ho investito solo meno dello 0.7% del mio capitale.

 

Per il resto tutto procede come sempre. Sto vendendo vertical put come al solito tenendomi rigorosamente sotto il livello dell´S&P500 di un bel 5%. Lo so che guadagnerei di piu´stando meno lontano sul 3.5% o 4%, ma ripeto, non mi sento molto a mio agio in queste settimane quando tutto sale cosi´ in fretta… Preferisco guadagnare meno ma stare tranquillo.

 

In combinazione a questo umore sto tenendo d´occhio anche i movimenti dell´oro ( GLD) perche´ ritengo sia li´dove in pochi stanno guardando di questi tempi. Mi sembra che si sia creato un buon fondo di supporto e per come opero io se anche va laterale, se sale o scende poco, posso fare profitti. Tecnicamente ci sono piu´probabilita´ che vada a riprendere quota  dopo avere perso il 40% dai suoi massimi. Al contrario di un S&P500 che raggiunge nuovi massimi e potrebbe ritracciare in qualunque momento.  Ci sta anche bene non fare niente, se non sento che ho le probabilita´a mio favore.

 

Chiudo questo aggiornamento di inizio anno con una comunicazione importante relativa al mio programma PVRstock.com . Negli ultimi tempi si stanno rendendo necessari degli aggiornamenti tecnici per la piattaforma e la presa dati. Siccome il costo previsto e´superiore alle entrate, sto valutando di fermare il progetto. So che questo sara´un dispiacere per molti affezionati, ma alla fine devo essere pragmatico: si puo´provare a perdere soldi per un po´per vedere se un servizio o un idea funziona, ma dopo un anno e passa di vita, direi che la fase di prova cé´stata e non ha reso a sufficienza. Un imprenditore deve sapere molto bene quando e´ora di staccare la spina. Forse e´ arrivato il tempo di mandare in pensione il PVR. Non tutto cio´che faccio va a buon fine o va perseguito per sempre!

 

Ho anche riflettuto molto in questi giorni di vacanze e viaggi, sull´importanza del tempo che sto dedicando dietro alle startups. Mi piace tanto farlo ed e´qualcosa che mi appassiona. Mi sono pero´anche accorto che metto tantissima energia e tempo non remunerato, quando ci sono persone pagate per farlo full time. In fondo ho scelto di essere un investitore che si prende dei rischi non ho scelto di essere un lavoratore attivo. Quello che sta succedendo e´che adesso faccio entrambe le cose e non mi va piu´bene.  Pensavo invece ai miei altri soci investitori piu´navigati di me che compaiono solo per I consigli d´amministrazione e poi spariscono. Niente telefonate, niente Skype, niente viaggi, niente extra riunioni, niente strategie,…. Puro investimento e basta. Se va bene sono contenti, se va male e´una scommessa persa tra decine di altre fatte.

 

Il tempo e´denaro. Il tempo e´ la moneta piu´importante che abbiamo. Crediamo  sempre di gestirlo al meglio, ma ci si deve fermare di tanto in tanto ed analizzare dove lo mettiamo in relazione a quanto ci rende. Bisogna essere capaci di chiedersi dove si sta creando del valore ed accettare una risposta onesta. Ad oggi niente batte i ritorni che i mercati finanziari mi stanno dando in funzione delle ore dedicate. E´quindi giunto il momento di mettere in ordine le priorita´ per il 2017, tagliare i rami secchi, rifocalizzarsi su  i target giusti, ridurre gli sprechi di energie ed investire in nuove aree. Un anno nuovo apre i battenti: non esiste un momento migliore per creare un nuovo assetto e ritornare in gara piu´veloce di prima!

Auguro a tutti un proficuo  2017 !

Francesco

(Visited 923 times, 1 visits today)

18 Comments
  1. Mirko
    • partitodazero
  2. Wirly
    • Filippo
      • Wirly
  3. Alessio
  4. Didachos
  5. Claudio
  6. Giovanni
  7. Paolo
    • partitodazero
      • Didachos
  8. Mattia
  9. Danilo
  10. Demis
    • partitodazero
  11. Carlo
    • Mattia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *