MANOVRE IN VISTA

Income taxIn un mese normale nel mio portafoglio azionario non succede niente. In tre mesi non succede ancora niente .In sei mesi ancora meno. Di norma non succede assolutamente nulla per almeno un anno quindi potete anche rinunciare a controllare se ci sono dei cambiamenti tutti i giorni o tutte le settimane. Resterete delusi ed annoiati. Quello che di regola faccio e’ acquistare sempre e vendere quasi mai.  Dall’ ultimo aggiornamento del portafoglio del mese di Novembre non si e’ mossa una foglia apparentemente. A livello di vendite zero assoluto. A livello di acquisti cerco di aggiungere asset con cadenza mensile e gli ultimi acquisti sono state le azioni di Occidental Petroleum. Per il resto genero rendite e cash flow proprio dal non fare nulla delle mie azioni. Loro lavorano per me.

L’ unica ragione di vendita che si può verificare e’ la necessita’ di capitale in contanti per altre operazioni fuori dai mercati.  E’ una cosa che detesto con tutto me stesso dover vendere ed utilizzare capitale per altre ragioni. Sono passi in dietro verso il cammino per l’ indipendenza finanziaria. A meno che….A meno che  questo capitale non venga utilizzato in nuovi investimenti  che nel prossimo futuro possano generare un apprezzamento di capitale o ancor meglio nuove forme di rendite mensili. E’ il caso di una casa, o di una nuova attività.

Per la prima volta da tanto tempo mi trovo a dover mettere mano alle azioni per ragioni che sono un mix di entrambe gli scenari possibili.  Una nuova attività in rampa di lancio  ( positivo)  e purtroppo una voce meno stimolante ma pur sempre importante: tasse ( negativo ). Quando si cambiano paesi e regimi fiscali cambiano di conseguenza anche i contributi e le tasse. Non e’ proprio facile assorbire e gestire questi dislivelli tra un regime fiscale e l’ altro quindi di tanto in tanto ci sono aggiustamenti da fare.  In ogni caso pagare le tasse e’ un po’ come quando si gioca a monopoli…prima o poi  vi capita la carta  “imprevisti” e ogni tanto la carta “probabilità”!

Poco male, bisogna seguire un piano che crea un ordine di priorità nel vendere le azioni che servono a generare questa liquidita’  necessaria. Prima di tutto definisco la cifra esatta di cui ho bisogno. Senza entrare nel dettaglio di quale parte e’ destinata a cosa, devo avere in mano 27000 $ durante febbraio. Fiuuuh! Bella somma, per fortuna e’ in cassa.

Naturalmente avendo una leva finanziaria aperta, devo prima andare a coprire il credito con il broker di circa 22K $ per poi ritirare la parte necessaria. La cosa bella dei dividendi e dei versamenti mensili fatti e’ che con regolarità abbassano ed eliminano il credito strada facendo. Quindi durante Dicembre e Gennaio il mio livello di leva era già sceso di un bel po dai 36000$ di novembre.

Quindi vado direttamente a capire con che ordine devo “smontare”  il portafoglio per ottenere questa cifra col minor impatto possibile sui profitti futuri e sul cash flow.  Ecco alcune regole in ordine di importanza

  • Regola numero 1: non perdere soldi! Quindi non monetizzare azioni in perdita sulla carta.
  • Vendere se possibile solo azioni con profitto
  • Vendere prima azioni a profitto che non pagano dividendi
  • Vendere poi azioni a profitto che pagano pochi dividendi
  • Vendere in ultimo le azioni in profitto  che pagano alti dividendi
  • Se ti sta bruciando casa vendi tutto!!! ( scherzo, meglio avere un assicurazione!)

Secondo questa scala ho tirato subito una linea che divide tra le azioni a profitto e quelle che hanno per adesso segno negativo. Dopo sono sceso nel dettaglio mettendo in alto le azioni che sono a profitto ma che non pagano dividendi e via dicendo.

Ne e’ risultata una lista al momento dello screening che risultava così in  ordine di profitto:

  1. Intuitive Surgical ( ISRG +12%) niente dividendi
  2. Priceline Group ( PCLN + 1% )  niente dividendi 
  3. Apple (AAPL +36.7% ),  
  4. Altria ( MO + 35.7%),
  5. Coach ( COH + 3.5%),
  6. BioGaia ( +2%)

A questo punto ho deciso come prima operazione di vendere 24 azioni di ISRG che di questa lista e’ l’unica azione che non pagava  nessun dividendo e che ha comunque un discreto profitto 

Prezzo di acquisto 459.06$

Prezzo di vendita 512.64$

profitto 1393,22 $ ovvero 12% sul capitale investito.

Questa posizione e’ stata iniziata in Agosto 2014. Un ritorno del 12% in meno di 6 mesi per me e’ soddisfacente e non mi lascia nessun amaro in bocca. Capitale liquido generato 13328$ 


Le altre due piccole operazioni effettuate su gennaio sono state due vendite contenute ( in relazione al capitale investito) e rispettivamente 26 azioni di Apple e 10 di Altria (Mo).

Entrambe queste due azioni sono le migliori che ho in portafoglio e sono quelle che in assoluto hanno corso di più da quando le ho acquistate

Prezzo di acquisto APPLE in Aprile 2014: 81.89$ ( aggiustato in base allo split)

Prezzo di vendita  26 azioni APPLE : 111.93$

profitto 781.04$ cioè 36.7% di ritorno in 8 mesi e mezzo ( più i dividendi!)

Capitale liquido generato: 2910.18$


 

Prezzo di acquisto Altria Group (MO)  a meta’ maggio 2014: 40.06$

Prezzo di vendita di 10 azioni Altria Group (MO): 54.39$ 

Profitto 143.3$ cioè’ 35.7% di ritorno in 8 mesi ( senza calcolare i dividendi)

Capitale liquido generato 543. 9$


Somma totale del capitale reso liquido con profitto e’ 13328$ (ISRG) + 2910.18 (AAPL) + 543.9$ (MO) = 16.782.08$ 

Rimangono 5675 $ per coprire il margine più i 27000$ da ricavare dalla vendita di altre azioni.

Totale 32675$

Con grande probabilita’ le azioni che andrò a liquidare in Febbraio saranno ancora APPLE e ALTRIA in prima linea. Il motivo viene  ancora una volta dal  mio metodo PVR. Ecco i grafici  relativi al livello di prezzo raggiunto da queste due azioni. I grafici evidenziano nei dieci anni,  la relazione tra linea di regressione e quella di prezzo+dividendi.

APPLE 10 anni

ALTRIA GROUP 10 anni

Entrambe le curve sono staccate di parecchio dalla loro linea di regressione normale, che nel mio mondo vuol dire rischio. Secondo la mia metodologia avrei dovuto tenere  in portafoglio queste due azioni rispettivamente fino a  Aprile e Maggio 2015. Vista pero’ la situazione contingente dovrò liquidare con un paio di mesi abbondanti di anticipo.  Questa e’ la vita in borsa, niente legami affettivi con nessuna azione. Sono state entrambe un ottimo veicolo di crescita della mia ricchezza, ma devo procedere.

A fine Febbraio daro’ un aggiornamento sulle operazioni ed il loro esito. Naturalmente l’ impatto di tutte queste manovre e movimenti si vedra’ all’ inizio di Marzo sul totale degli asset.

Buon week end a tutti!

 

 

 

(Visited 213 times, 1 visits today)

No Responses

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *