Guardando avanti!

Ho preso un lungo periodo di riflessione e pausa dal blog perche’ ne avevo bisogno.  Dopo 3 anni e mezzo passati a scrivere e condividere il mio viaggio personale ho raggiunto un punto in cui lo scrivere non mi dava piu’ nuove energie ma al contrario ha cominciato ad assorbirmene. Ma non e’ l’ unica ragione.  C’e’ una vita reale ( fuori dal blog) e all’ ammontare di tutti gli impegni da affronatare… arriva un momento in cui puoi sentirti  prosciugato e vuoto. Siete migliaia e tutti con necessita’ e domande diverse. Ognuna che vale tutta la sua importanza. Una comunita’ meravigliosa da cui ho imparato tanto e a cui spero di essere riuscito a contribuire un minimo  ad accendere un po’ di speranza nel modo in cui agiamo e guardiamo avanti.  Cambiare lo status quo della propria vita si puo’. Creare un proprio futuro e’ possible. Essere imprenditori di se stessi cominciando dall’ agire, dall’ imparare, dal buttare giu’ un piano, da voler poi seguire fino in fondo,  e’ alla portata di chiunque. E’ meno facile stare sempre in piedi contro le inevitabili battaglie e le curve a gomito che si incontrano sul proprio cammino, ma si deve saper andare oltre, oppure si muore.  Questo 2018 per me e’ stato e continua ad essere in contromano e gli spunti di positivita’ sono stati ben pochi. Il mio patrimonio si e’ ridotto, gli errori e le spese sono aumentati. La mia societa’  degli affitti e’ cresciuta nonostante lotte interne con gli investitori.  Comunque rimane una guerra  sul fronte delle sfide esterne, con i concorrenti che aumentano e si accaniscono verso la nuova eldorado del PropTech e allo stesso tempo si cercano strade nuove per una crescita internazionale. Le startup sono belle, ma crescere del 850% in 3 anni  costa enorme fatica mentale e fisica. Crescere costa anche capitale e se quello scarseggia, manca anche l’ aria.  Unisco a questo la grande delusione per il fondo che ho cercato di fare partire con tutte le buone intenzioni e che ho scelto di abbandonare appena nato dopo solo alcuni mesi. I presupposti che mi erano stati presentati un anno fa sono naufragati completamente quando mi sono reso conto che una cosa e’ fare trading da solo su un conto personale mentre un’ altra e’ quando le commissioni di un industria finanziaria cannibale, appesantiscono e uccidono ogni performance e possibilita’ di fare bene.  Vedendo che non potevo nulla contro un sistema fatto di leggi, avvocati e sciacalli,  alla fine ho perso io. Ho preferito uscire in silenzio da questa arena. Ognuno di noi ha un etica personale, a volte e’ meglio apparire come dei perdenti, ma sapere in fondo al cuore di aver fatto la scelta giusta.

Ho preso anche una pausa dai mercati per la prima volta dal 2009 quando ho aperto il mio primo conto di trading. Dieci anni da quando ho messo i miei primi 200€ risparmiati su un conto online! Oggi sono completamente liquido, esattamente da fine Aprile. Seguendo il classicissimo “sell in may and go away” ho detto ciao a Wall Street. Per adesso osservo l’ evoluzione dei mercati da lontano.  Non credo pero’ che questa volta rientrero’ da fine ottobre, quando statisticamente inizia la fase buona dell’ anno. Il toro ha corso tanto e tutto sembra andare per il meglio. Un film gia’ visto. Titolo:  “preambolo della prossima crisi”. Perdersi un po’ di profitti non mi preoccupa e prima di rientrare aspettro’  di vedere il sangue nelle strade. In fondo un po’ di vacanza non fa male!

Non per questo pero’ me ne sto fermo! Durante questo letargo finanziario,  da alcune settimane ho iniziato a lavorare su un nuovo software insieme  ad un programmatore tedesco. Questa volta per il settore immobiliare. Ho imparato abbastanza negli utlimi 4 anni, tanto da capire quanto la digitalizzazione di un settore di dinosauri possa sconvolgere un sistema fino all’ estinzione. Oggi il settore immobiliare e le agenzie di quartiere risultano ai miei occhi come lo erano 15 anni fa le agenzie di viaggio. Prendendo spunto dal mio modello  PVR ( per la valutazione del valore relativo delle azioni)  unendolo all’ uso della big data analysis e dell’ intelligenza artificiale cerchiamo di mettere insieme uno strumento SaaS capace di portare il settore immobiliare in una nova dimensione. Si puo’  spiegare in poche parole? No.

Ambizioso? Decisamente si! Del resto non si cambia il mondo facendo quello che fanno tutti, o un pochino meglio!

Non prometto che saro’ attivo come in passato, ma saro’ felice se di tanto in tanto passate di qua per vedere se c’e qualcosa di nuovo!

Un caro saluto

Francesco

 

 

 

 

 

(Visited 1,053 times, 1 visits today)

28 Comments
  1. Mattia
  2. AndreaS
  3. Delio
    • partitodazero
  4. Mauro
    • christian
      • mauro
    • Paolo
      • Mauro
    • Mariano Palumbo
    • Mauro
  5. mauro
  6. mauro
    • Dean
  7. Roberto
    • partitodazero
      • Roberto
  8. Marco
  9. Mariano
    • partitodazero
  10. roberto
  11. Giovanni Battino
  12. Christian
  13. Franco
    • partitodazero
  14. enrico
  15. Maurizio
    • partitodazero

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »