AVANTI TUTTA: E’ TEMPO DI BUDGET 2015!

budget 2015Il 2014 sta per volgere al suo termine. Un anno intenso e ricco di eventi che per me ha significato tanto sia sul piano personale che sul piano finanziario. Nuove conquiste, alcuni errori, passi avanti e qualche battuta d’ arresto. Non sono la persona che si sofferma troppo su quanto accaduto in quanto e’ ormai avvenuto e non modificabile. Prendo atto dei progressi  ma solo perché diventano il nuovo pavimento per il futuro. Non e’ la fine della corsa, niente braccia al cielo, niente festa negli spogliatoi. Una pacca sulla spalla mi basta, ma poi sguardo avanti. Focus sulle prossime mosse già da gennaio.  Spendo naturalmente un po’ tempo pero’ ad analizzare gli errori più costosi dell’ anno passato cercando di capirli a fondo per non ripeterli. Cerco di capire perché  in quel momento preciso ho preso una decisione ( finanziaria) che poi si e’ rivelata sbagliata. Che stato emotivo mi guidava e quali convinzioni avevo. Cosa non sono stato capace di cogliere nella visione d’ insieme. Poi pero’ bisogna chiudere il sacco e organizzare il piano per il 2015.

E’ giunta quindi l’ ora di darmi degli obbiettivi finanziari concreti che mi tengano animato e determinato nel raggiungerli. Non devono essere campati per aria ed irrealizzabili ma sufficientemente difficili ed oltre la mia portata in modo da obbligarmi a testare i miei limiti e cercare sempre nuove strade. Non ho un capo con cui mi possa sedere a parlarne, e a cui debba rendere conto. In compenso pero’ sono il peggior capo che abbia mai avuto: intanto non mento  perché so che ogni bugia e’ automaticamente trasparente. Non si mente a se stessi. Punto due quando hai veramente deciso con te stesso dove devi arrivare lo devi fare e basta. Non ci sono scuse. Just do it! in questo non mi do tregua.

Nel pianificare le mie mete per il 2015 non mi baso mai sulla speranza o su cio’ che non posso controllare, perché in quel caso si e’ in balia degli eventi e degli altri. Quando decido dove voglio arrivare deve essere una meta programmabile che dipenda il più possibile da me stesso e dal mio impegno personale. Un tempo lavoravo per una società che pagava bonus basati sulle vendite dei negozi distribuiti per tutta Europa. Capite la frustrazione nel vedere che se i colleghi bulgari e portoghesi faceva male il loro lavoro o avevano problemi contingenti andava a pesare sul risultato di tutta l’ area con la frustrazione che non avrei mai potuto fare assolutamente niente  per intercedere o per migliorare i loro risultati in quanto collegato solo al mio paese. Niente di più demotivante.

Detto questo andiamo a definire le aree e gli obbiettivi per il 2015.

CAPITALE: con grossa probabilità il 2014 si chiuderà sotto la soglia dei 190000$ ( ormai macano poco più di due settimane) . Avrei sperato di riuscire ad accumulare oltre, ma la sorpresa del petrolio ha abbassato sul finale d’ anno questo traguardo. Poco male, le fluttuazioni di borsa sono un fattore non controllabile e fanno si che a volte questo onde alzino o abbassino il valore totale degli asset in maniera drastica sia positivamente che negativamente, ragione per cui non mi sento toccato più di quel tanto da questa volatila’. A volte aiuta, a volte penalizza. Comunque sono sempre profitti o perdite sulla carta, non realizzate e quindi totalmente mobili. Spontaneamente sarebbe una meraviglia se tra un anno oggi riuscissi a passare la soglia del quarto di milione di dollari. In altre parole sarei estremamente soddisfatto se raggiungessi i 250000$ di capitale. Questo vorrebbe dire che da dove mi trovo adesso dovremmo accumulare circa 60000$ ovvero il 31.5% in più  di quanto abbiamo oggi.  Una bella cifra. Una bella percentuale. Scorporiamo quindi  questo totale sulle aree più controllabili che possono contribuire a questo traguardo:

dividendi, risparmi, affitti, flussi entrate. Vediamo che contributo deve essere generato per ogni voce.

DIVIDENDI: per me sono sempre l’ entrata  più importante in termini di flusso passivi, non tanto per l’ ammontare che ad oggi costituiscono, ma proprio per la totale passività che rappresentano  e per la capacita’ di crescere di anno in anno. Uno sguardo al flusso annualizzato dei dividendi: al momento sto viaggiando su un’ aspettativa di circa 6500 $ su base annua. Continuando ogni mese a comprare nuove azioni che pagano dividendi ed aggiungendo gli aumenti che le aziende stesse fanno ( si spera) posso mettermi come obbiettivo di cercare di arrivare alla soglia di 8000$ in cedole. Un aumento circa del 28% rispetto ai livelli del 2014.

RISPARMI: gli ultimi mesi siamo riusciti ad alzare l’ intensità dei nostri risparmi senza alterare il nostro stile di vita. Questo e’ stato possibile per via di una maggiore attenzione alle spese, e perché alcuni piccoli prestiti stanno scomparendo. Naturalmente ci guardiamo bene dal contrarne dei nuovi e quindi cio’ che prima andava a ripagare le rate oggi va direttamente nel  nostro fondo di investimento. Nessun impatto quindi sulla qualità’ della vita. Non sapendo se ci saranno aumenti durante il 2015, o sorprese negative durante l’ anno prossimo,  credo che potremmo cercare di tenere come obbiettivo dell’ anno un totale di 30000 $ in risparmi, che fa 2000 $ al mese. Ultimamente siamo andati oltre, ma so anche che ci possono essere mesi difficili. Quindi una media di 2000$ e’ fattibile e naturalmente cercherò di fare di tutto per passare questo scoglio ogni mese!

AFFITTI: il fronte degli affitto ad oggi si limita ad un’ entrata sola generata dal box. Su base annua posso in tranquillità stimare un totale di 4332$ per il 2015. Ci possono essere inconvenienti come la disdetta del contratto, ma non posso prevederlo adesso. Quello che posso cercare di fare e’ aumentare questa voce creando altre situazioni simili e ripetendo lo stesso schema di affittare e poi subaffittare. Sarebbe fantastico avere una o due di queste entrate!

NUOVI FLUSSI: l’ obbiettivo più attivo del 2015 che mi voglio dare sara’ quello di creare nuovi flussi di entrate passive che non siano connesse alle tre precedenti. In questa ricerca entrano in gioco anche investimenti sia in termini di tempo che di denaro. Come in tutto, non ci sono free-lunch ( pranzi regalati ). Ho già cominciato a ragionare intorno a tre progetti: un sito di commercio online totalmente integrato,  la possibilità di mettere a disposizione del pubblico, previo abbonamento, il mio software PVR per gli investimenti in borsa, e sto pensando di aggiungere entrate intorno al blog derivanti da pubblicità.  Oltre a queste possibili fonti di rendite sto valutando per il 2015 due progetti più complessi di investimento in  due start up nel settore di innovazione tecnologiche. Se questa linea portasse ad un dunque, dovrei prevedere un dis-investimento da alcune posizioni in borsa per finanziare le partecipazioni in queste due nuove società.  L’ importante e’ sempre la gestione del rischio.

Sommando le prime tre voci di 30000 + 8000 + 4332 arriverei a 42332$ di crescita relativamente sicura per il 2015 ( comunque un abbondante +22%). Senza farci troppo affidamento, se il mio portafoglio crescesse  di un 8/9% durante l’ anno prossimo vorrebbe dire che i 190000$ di oggi  ed i successivi investimenti che andrò ad effettuare durante i mesi potrebbero dare un contributo di circa 16/17000$, portando  il totale dell’ anno prossimo verso i 60000$ di valore aggiunto al capitale totale.

Credo siano dei target sensati che con impegno costante siano anche raggiungibili.  Dunque concludendo c’ e’ parecchio da fare per tenere la rotta del milione. Se riuscissi a tenere questo budget significherebbe arrivare al primo quarto di milione di dollari durante il mio 38 esimo anno di vita! Sarebbe eccezionale ed una grande rivincita personale pensando che solo nel 2009 ero fallito ed  avevo un negativo di 23000 Euro!

E voi che mete vi date per il prossimo anno? Che crescita pensate di poter aggiungere ai vostri risparmi? Ogni dollaro e’ buono basta che sia più di zero!

(Visited 275 times, 1 visits today)

No Responses

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *