( Ad )Venture Capitalist, ed altre storie dal fronte…

imprenditori-idee

Rieccomi. Seduto sull´ennesimo volo. Il suolo lontano, sotto di me, scivola veloce che pare un presepe su un tapis-roulant! Siamo in tema natalizio e come ogni anno da sempre, pare che il mondo finisca il 23 dicembre. L´orologio corre veloce in una lotta contro il tempo per chiudere accordi, progetti, bilanci e budget. Ogni anno la stessa musica.

Come un ingranaggio in un sistema incurante, anch´io ci sono dentro. Nonostante abbia fatto di tutto per alleggerire il carico e diventare sempre piu´indipendente dal lavoro attivo, rimane un certo strascico di responsabilita´che come imprenditore e socio di business, devo mantenere. E´ancora lontano quel giorno in cui potro´ essere completamente in pace seduto su una spiaggia diventando ricco ogni giorno di piu´, senza fare assolutamente nulla…Ma forse in fondo non sopporterei a lungo questa situazione. E´parte del mio DNA creare idee, vederle crescere ed evolversi in business. Non potro´ mai smettere di farlo anche quando saro´milionario. Il divertimento ed il sentirsi vivi durante il viaggio, ogni dannato giorno, mi caricano di energia e felicita´senza limiti. Se poi vengono i guadagni tanto meglio!

 

Cosa sta succedendo quindi nel mondo di questo piccolo uomo che una mattina di una manciata di anni fa si e´rialzato da terra ed e´ partito da zero ?

 

Cominciamo dalla situazione piu´eccitante e complessa di queste settimane. La societa´dei sub affitti di cui controllo oltre il 60%.

Prima la parte amara: il mio socio e CEO e´purtroppo stato operato per un grave problema. Fortunatamente e´ fuori pericolo e si rimettera´presto, spero nelle prossime settimane. E´un ragazzo con una determinazione d´acciaio, un visionario instancabile, non che´ un caro amico. Fino a poche ore prima dall´operazione era seduto nel letto d´ospedale facendo skype con me e pianificando le prossime mosse per il 2017. Ne va che in queste situazioni non ci sono alternative se non quella di saltare dentro e prendere il controllo della situazione. Ho un enorme fiducia nel team che lavora nei due paesi in cui siamo presenti, ma ho dovuto prendere il timone operativo finche´ sara´necessario. Motivo per cui il mio tempo libero si e´ridotto drasticamente in un colpo.

Seconda parte : il timing purtroppo non e´neanche dei migliori, in quanto come anticipato nei mesi passati siamo nel pieno di un nuovo round di investimenti come programmato. Un anno fa quando abbiamo aperto al capitale esterno e a nuovi soci, firmavamo anche un opzione per cedere una quota ulteriore della societa´entro il 31/12/2016 per 300.000 € ad una valutazione prefissata di 3.7 Milioni di €. Naturalmente le cose non vanno sempre come previsto e gli investitori vedendo il trend di crescita e volendo acquisire il maggior numero di quote possibili al prezzo migliore, hanno rinegoziato il valore a 1.2Milioni di €. Fanno il loro lavoro!…Ma naturalmente non ho accettato. Visto che il primo paese in cui operiamo e´ praticamente a break even e abbiamo autonomia finanziaria per diversi mesi non mi sento preso per la gola. Il capitale pero´serve per assumere nuovo personale tecnico e per costruire nei prossimi 6 mesi la nuova piattaforma digitale che ci permettera´di fare il salto di qualita´ad un altro livello: entrare simultaneamente in qualunque paese senza fisicamente aprire filiali. In una parola : scalabilita´! Un cambio di strategia che abbiamo deciso negli ultimi tre mesi per dare velocita´ed ancora piu´trazione alla societa´.

L´ultima offerta dei soci e´arrivata ieri a 1.7 Milioni di € di valutazione, per 270.000 € di nuovo capitale. Non male. Il punto che mi fa pendere verso questo accordo e´che insieme all´offerta sul tavolo, si e´aperta anche la prospettiva che entro sei mesi si potra´andare a quello che si chiama in gergo Round A d´investimento. Di cosa si tratta? In termini semplici e´quando i big guys entrano in gioco, ovvero quando i venture capitalist (VR) acquisiscono una buona fetta della societa´ad una valutazione importante per finanziare la fase forte dell´ espansione. Si parlera´ di valutazioni a due cifre, oltre i 10 Milioni di €. Possono esistere anche successivi round B e C che precedono una quotazione in borsa come possibile exit strategy. Ad ogni giro si cedono quote societarie a fronte di capitali sempre maggiori e valutazioni piu´alte.

I soci ( business angel) che ad oggi sono comproprietari nella nostra start up hanno questa esperienza e vedono il potenziale. Ecco spiegato il motivo per cui tentano di acquisire piu´quote possibili adesso ad una valuazione piu´ bassa possibile. Sono convinti che il prossimo passaggio catapultera´anche le loro quote ad un valore di tutto rispetto.

 

L´ultima parola pero´spetta a me´ in quanto socio di maggioranza.

Ora, facciamo una pausa ed un piccolo passo indietro: non voglio sembrare arrogante ma devo essere onesto e dire che mi sento molto lusingato e gia´ vincente nell´avere questo tipo di problema nella mia vita. Questi sono il genere di problemi che vorrei avere tutti i giorni! In fondo se sono obbiettivo, solo 20 mesi fa ho investito “appena” 10K€ in qualcosa che adesso ha raggiunto una valutazione oltre il milione d´euro. I miei ragionamenti pero´sono proiettati nel prendere la decisione giusta per garantire continuita´di crescita, solidita´ed un futuro luminoso per questa fantastica start up. Non ho problemi a cedere quote di proprieta´ se questo vuol dire dire decuplicare il valore attuale nel giro dei prossimi 12/24 mesi. Come dire, meglio avere il 40% di una torta da 300 kg piuttosto che avere l´80% di una torta da 1 kg!

Ad ogni modo non ho ancora deciso. A mettermi ancora qualche dubbio in piu´sul da farsi e´stato un amico mentore con qualche anno in piu´di me ed una dozzina di societa´alle spalle, che mi ha consigliato di aspettare a cedere quote ma incontrare altri investitori ( introdotti da lui) per una valutazione migliore. Questo vuol dire scegliere tra meno capitale, sicuro ma subito o piu´capitale, forse e  tra un po´… Voi cosa scegliereste?

 

Non e´tutto. L´altro fronte imprenditoriale legato alla seconda startup di cui sono socio continua la sua lunga fase di prelancio. La piattaforma fashion ha preso un approccio diametralmente opposto rispetto alla societa´dei sub affitti. In quale modo? Se rivedo i passi del sito dei subaffitti tutto e´nato con un primo piccolo investimento e tanti test successivi che ci hanno portato rapidamente a riprogettare migliorando ed implementando la versione di partenza. Appena I primi clienti hanno iniziato ad usufrire del servizio abbiamo reagito passando velocemente alle versioni successive. Oggi stiamo avviando la quarta variante di questa piattaforma. Un approccio costoso, ma molto sicuro dal punto di vista imprenditoriale. Prima si spara, poi si vede dove va il proiettile e dopo si prende ancora la mira! Il paradosso e´ che il settore immobiliare e degli affitti e´molto piu´prevedibile e sicuro rispetto a quello del fashion.

Per il progetto moda invece l´approccio e´partito all´opposto. Si sta continuando ad implementare, migliorare, aggiustare millimetricamente tutti i processi, di questo sito. La minuzia e la cura dei dettagli e´estenuante, nulla e´ lasciato al caso. Non abbiamo la piu´pallida idea se ci sara´un mercato ma abbiamo gia speso 60000 euro e 12 mesi di lavoro dietro alla progettazione. Per l´altro sito siamo partiti in un paio di mesi spendendo 400$ made in India! Il punto e´che il business model e´rivoluzionario e scardinante a tal punto che non possiamo permetterci errori. La legge in questo caso e´ implacabile: non ci sono seconde possibilita´di fare la fatidica “prima impressione” . Il settore del fashion e´ spietato sotto  questo punto di vista. Ad ogni modo anche se non e´nel mio carattere continuero´a dire di no al lancio fino che non sentiro´ quel qualcosa nel mio stomaco che dice WOW! Tutto il resto e´solo mediocre.

 

Arriviamo alla tanto amata borsa e finanza. Cé´qualcuno che non e´contento? Il mercato e´ esploso nel piu´bel rally degli ultimi due anni. L´ottimismo ha ripreso il volo, il petrolio risale dopo gli accordi vari, Trump non ha ancora scatenato la terza guerra mondiale, la Fed alza i tassi ad un ritmo accomodante…Di che preoccuparsi?

Lo dico adesso: siamo entrati ufficialmente nella fase finale del mercato toro. E´ adesso che si in anellano i nuovi record dei vari indici, e´ adesso che tutti cominciano ad entrare in borsa, e´adesso che i valori fondamentali si scollano dalla realta´, e´adesso che il parco buoi si mette in fila per andare al macello. Non sto dicendo di non investire. Non sto gridando al lupo. E´infatti in questa fase che si fanno i soldi piu´facili e piu´infretta. Purtroppo pero´e´anche la fase piu´rischiosa perche´non e´sostenibile per lungo tempo e soprattutto nessuno suona la campana quando e´ora di lasciare la nave prima che affondi. I miei valori su cui mi baso non danno ancora segnali di allarme: le lancette sono sul giallo, e le lampadine rosse sono spente. La domanda non e´ se ci sara´un crollo, ma piuttosto e´quando….

Gli USA sono lanciati fuori dalla crisi e traineranno il resto del mondo. Il carrozzone dell´Europa seguira´per inerzia nei prossimi mesi ed allegramente l´inflazione ed i tassi d´interesse saliranno. I paesi emergenti schizzeranno all´insu´( date un occhio al Brasile per farvi un idea) e tutto si concludera´ come al solito: un nuovo nome per una nuova bolla!

 

Per le miei finanze e le opzioni tutto procede con la regolarita´dei mesi passati. Ho tagliato il traguardo dei 182000$. Dal 29 agosto il conto della holding ha segnato un + 15.5 %. ( in 3 mesi e mezzo!)  Sull´anno i numeri sono di tutto rispetto. Se penso che nel momento peggiore in cui ho toccato il fondo il 21 gennaio, avevo sul conto 73000$ durante alcuni giorni, direi che e´stato un recupero impressionante!

screen-shot-2016-12-14-at-23-21-13

Daro´il quadro finale nelle prossime settimane sulla chiusura di questo ottimo 2016.

Per quel che riguarda le partnerships d´investimento che sto gestendo, i numeri sono simili e tutti positivi, ma inferiori ai miei risultati personali,  in quanto adotto un approccio piu´conservativo.

E´tempo di guardarsi intorno e soprattutto e´tempo di cercare dove tutti non guardano. E´solo li che si nasconde il prossimo tesoro.

 

“Siate avidi quando tutti hanno paura, Siate timorosi quando tutti sono avidi.” W. Buffet

 

Buona settimana!

Francesco

(Visited 699 times, 1 visits today)

10 Comments
  1. Mattia
    • partitodazero
  2. Fabrizio
  3. Raffaele
    • partitodazero
  4. risparmiabili
    • partitodazero
      • risparmiabili
        • partitodazero
          • risparmiabili

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *