Anatomia di una speculazione da 57% in 2 settimane

investimenti speculativiUna piccola parte delle mie attività finanziare e’ puramente speculativa. In un conto dedicato che rappresenta tra il 2 ed il 3% del mio capitale totale. Nella speculazione cerco di sfruttare i tanto irritanti sali e scendi dei mercati. Cerco di trarre profitto per alimentare e stabilizzare il mio conto di lungo termine dove le turbolenze sono molto più  basse e dove la vita da investitore scorre  più serenamente senza grandi sorprese. Il conto per le speculazioni e’ in una banca on line scandinava e di norma seguo l’ indice OMX 30 cioè l’ indice delle 30 azioni più capitalizzate di Svezia.  La regola di base che utilizzo e’ quella di acquistare certificati BULL OMX X 15 ogni qualvolta il mercato ha rintracciato del 5% o più. Un certificato bull o bear e’ una specie di ETF che copre un indice. Ce ne sono con livelli di leva differenti: x2, x4, x5, 10, x12, x15. Tutto e’ a seconda del vostro grado di tolleranza al rischio. La cosa che mi piace di questi certificati e’ che non ci sono limiti temporali. A differenza di future ed opzioni non c’e’ una data di scadenza e quindi un decadimento temporale nel valore. L’ altro fattore e’ che non ci sono lotti da cento, e in più non devi possedere nessuna azione sottostante. Ne puoi comprare uno o 3000, sei tu che fai le regole.

In questa circostanza io agisco in modo aggressivo.  Ogni mese tengo monitorato l’ indice svedese ( ma potrebbe essere qualunque altro indice ) e quando vedo cifre rosse ed una fila di giornate negative, allora e solo a quel punto comincio a fare due conti ( nota bene: non perdo più di 1 minuto al giorno).  Se il mercato e’ sceso del 5% dal suo massimo o anche più, allora entro. Tutto si basa sulla probabilità degli eventi. Niente di complicato, niente analisi tecnica niente analisi fondamentale, niente. In un post precedente ho parlato di come anche in un anno positivo la borsa scenda del 5% mediamente 3 volte all’ anno, mentre del 10% almeno una volta. Nulla di strano, solo statistica. Non serve nessuna laurea.

Andiamo quindi a riportare qualche grafico e cifre relative a cosa sono riuscito a portare a casa questo mese. Questo e’ il grafico  di come si e’ mosso l’ indice OMX30 negli ultimi tempi:

OMX 30 gennaio

Durante Dicembre ero in viaggio ed avevo deciso a priori di operare meno attivamente sui mercati, ma sono comunque riuscito a sfruttare la discesa avvenuta dal 7 dicembre al 15/17 dove si e’ registrata la classica situazione di entrata con una correzione di circa 5% per poi risalire per il classico rally natalizio ( di cui vi avevo raccontato i motivi). Oggi parlo pero’ di questo mese. Il 7 gennaio, tornato operativo,  ho colto una nuova flessione di poco più del 4%. Sono quindi entrato comprando certificati Bull OMX X15 SG ( SG= Societe’ Generale, cioè sono loro che li vendono).

Siccome non sono un mago nel centrare i minimi ed i massimi ho comprato 513 certificati ad una media di circa 44.45 SEK ( corone svedesi ) per un totale di 22800 sek. Nel grafico successivo visualizzo il punto di entrata.

Certificati BUL OMX30X15 Come potrete intuire non ho seguito la mia regola aurea del 5% ma ho anticipato a circa il 4 %. Avevo la sensazione che il tono del mercato fosse in salita sulle voci che la BCE con Draghi che avrebbe lanciato il QE da li a qualche giorno. Se avessi seguito il mio modello sarei entrato qualche giorno dopo ed avrei realizzato ancora di più. Ma come tutti sono un uomo, e soprattutto mi so accontentare!

Vediamo quindi come e’ andata. Dopo qualche giorno di sali e scendi il mercato ha preso il volo ed io ero perfettamente agganciato al traino. I miei 513 contratti hanno accelerato in salita, registrando profitto. Quindi ho iniziato a vendere prima 117 contratti a 51.52 sek, assicurandomi un guadagno di circa 6000 SEK. Il resto l’ ho lasciato correre fino alla soglia dei delle 70 Sek quando ho deciso che potevo ritenermi soddisfatto del guadagno. Così ho liquidato tutto.

USCITA BULL OMX30 X15

Naturalmente come si vede dal grafico i prezzi dei certificati sono schizzati a quasi 120 sek. L’ ho detto non sono un mago nel centrare i massimi o i minimi,  pero’ sono contento lo stesso. Non piango su quanto avrei potuto fare, perché si può sempre fare meglio col senno di poi! In quello sono bravi tutti. Cavalcare l’onda invece e’ tutta un altra storia!

In ogni caso, in due sole settimane ho prodotto un succulento 56.89% di guadagno sul mio capitale. Tradotto in soldi: 10870.43 Sek, ovvero 1160 Euro ovvero 1314 $.  Check! Anche questo mese questa forma di reddito ha fatto il suo lavoro.

RISULTATO SPECULAZIONE

Da bravo padre di famiglia, ho preso dunque 600$ e gli ho trasferiti al conto per gli investimenti di lungo termine che mi daranno la pensione anticipata. Il restante l’ ho mantenuto sullo stesso conto per aumentare il capitale di base per la prossima speculazione.  Questo mi assicura fieno in cascina e allo stesso tempo mi crea un interesse composto sulle speculazioni. Per chi mi segue da qualche mese  solo a ottobre il capitale di partenza era di circa 15000 sek.

Forse per molti questa  regola di entrare sulle correzioni e’  fin troppo banale. Non ci sono fondamenta solide e neanche un metodo preciso di uscita. Esco quando sono ” soddisfatto”…forse e’ un po’ generico. Lo so, ma con tanto buon senso penso che oltre il 20 % e’ tutto grasso che cola. Se invece ho torto, non aspetto che il mio capitale si dilegui, taglio la posizione ed aspetto circostanze migliori. Come un leopardo sa aspettare la preda più fragile per giorni interi.

 Comunque tirando le somme questo approccio non e’ stato poi così tanto “banale” : da ottobre ad oggi i risultati sono… soddisfacenti!

Cumulativo conto speculazione

Buona giornata a tutti!

(Visited 467 times, 1 visits today)

4 Comments
  1. Emanuele
    • partitodazero
  2. Giuliano
    • partitodazero

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *