AGGIORNAMENTO CASH FLOW DI LUGLIO

Tempo di far lievitare il portafoglio

Tempo di far lievitare il portafoglio

Comincio con una lieve divergenza sul tema. Agosto per molte persone e’ un mese di vacanza e riposo. Io ho sempre adorato lavorare durante questo mese perche’ spesso, mentre i piu’ sono lontani dai monitor della finanza, si possono fare ottimi affari. Per una qualche strana ragione appena i volumi di scambio sui mercati si affievoliscono parte una certa volatilita’ che destabilizza nel bene e nel male l’ andamento delle borse. Dico nel bene perche’ per la mente
pronta e lucida si creano ottime occasioni di acquisto. Dico nel male perche’ perche’  molti si creano dubbi e perplessita’ che portano a vendite impulsive e non razionali.  Faccio un esempio: il prezzo del petrolio. Ormai da tempo e’ partita la paranoia che i mercati sono inondati di greggio perche’ tutti ne producono a tonnellate e nessuno lo compra. Io mi chiedo: ma qualcuno si e’ preso la briga di guardare due grafici o fare un paio di ricerche? Io l’ho fatto ed  ho ragione di credere che quello a cui stiamo assistendo e’ un fenomeno basato piu’ sul sentimento che sui fatti. La produzione ed il consumo sono perfettamente allineati ai trend degli ultimi anni. Guardando questo grafico che mette in relazione la quantita’ di petrolio prodotta nel mondo con quella consumata, non vedo assolutamente nulla di strano:

oil consumo vs produzione

Come si nota questo e’ un trend estremamente bilanciato nel tempo. Per assurdo anche nel 2008/2009 con il mondo in piena recessione ( lonatno dalla ben piu’ stabile situazione odierna) questa correlazione non si e’ mai andata a distaccare piu’ di quel tanto. Non sono un economista a non speculo sui motivi di questi crolli di prezzo, anche se ho delle idee. Razionalmente mi attengo ai fatti: nel mondo si sta etraendo e consumando grosso modo allo stesso ritmo che il mondo ha sempre fatto. Nessuna novita’. Questo per me significa solo che il prezzo del petrolio e’ scollegato al ribasso senza ragioni chiare, il che significa depressione irrazionale ovvero prezzi da occasione per chi vuole comprare. Io sono ancora dello stesso parere dei mesi passati e cioe’ di comprare quando gli altri svendono. A tal proposito ho aumentato nelle settimane passate i miei investimenti in Chevron che ormai paga intorno al 4.85% di dividendi. Per chi non lo sapesse questa e’ un occasione piu’ unica che rara nella storia di questo colosso petrolifero.

Veniamo invece al bilancio del cash flow accumulato durante il mese di Luglio. All’ ombra degli avvenimenti che muovono i mercati, continuo inesorabilmente la mia opera certosina di accumulo che mese per mese porto avanti. Come ripeto di consueto un domani sara’ il cash flow che entra sul nostro conto a renderci liberi permettendoci di vivere con la mia famiglia come vorremo e dove vorremo. Che i mercati salgano o scendano, l’ avere delle entrate passive e semi passive mi permette di focalizzarmi solo sul cercare di acquisire nuovi asset produttivi a buon mercato che nel lungo termine andranno ad alimentare nuovi flussi di cassa fino ad un livello tale che potremo vivere di rendite. E’ un processo che richiede tempo certo,  ma che prende velocita’ come su un piano inclinato. Quello che devo fare io e’ continuare ad eliminare gli attriti, aggiungendo nuovi investimenti e risparmi.  Andiamo quindi nel dettaglio di Luglio:

CASH FLOW Di LUGLIO

 

La cifra destinata a nuovi investimenti e’ stata cospicua ancora una volta. La liquidita’ libera degli ultimi 30 giorni e’ stata di 5968 $! Un numero importante se messo in relazione con solo il 2010, quando nei migliori dei nostri sogni io e mia moglie potevamo risparmiare una cifra simile nell’ arco di un anno, un anno e mezzo. Solo 5 anni dopo… Potere della perseveranza. Decidiamo ad inizio mese quanto toglierci dalle nostre entrate ( attenzione non a fine mese quello che e’ avanzato!) e quelli diventano i risparmi pronti ( 3224 $ su Luglio) per generare nuovi guadagni futuri . Insieme andiamo ad aggiungere quanto gli investimenti fatti precedentemente in azioni, ci regalano ogni mese: lo zoccolo duro dei dividendi  ( 484.91$) diventa sempre piu’ importante. Ricordo quando 30 o 40 $ sembravano gia’ farci vedere il mondo un po’ piu’ rosa! Poi e’ arrivato il contirbuto della cultura finanziara: le opzioni ( 1628$) sono qualcosa che non conoscevo il Natale passato, ma con interesse e passione mi sono documentato, ho letto, studiato,  ho provato, e ad oggi comincio a trovare un’ andatura stabile. Una fonte di rendita complementare basata solo sull’ affittare i titoli che gia possiedo in portafoglio, mentre aspetto che questi crescano. E’ bello essere pagati per aspettare. Di solito si sta in coda per pagare! In fine ci sono i subaffitti, un universo a costo zero che da alcuni mesi e’ anche diventato una societa’ vera e propria ( ne parlero’ a breve in dettaglio).  Non e’ calcolata  ancora nel cash flow mensile perche’ e’ appena nata e non stacca ancora utili anche se sta crescendo. Invece l’ entrata che riceviamo ogni mese dal box affittato (361$) e’ li come ogni mese senza fare alcun rumore. E’ quasi noioso.
Tutti insieme questi quasi 6000$ sono andati messi sul  nostro conto di brokeraggio con lo scopo di ridimensionare la leva finanziaria che nelle ultime settimane aveva preso a alzarsi fino a un livello di 1:0.9, causa la flessione totale del portafoglio  ed gli  ulteriori nuovi acquisti effettuati su CVX, IBM e DISCA.

Ci sono tempi per comprare aggressivamente e tempi per lasciare lievitare. Per quel che mi riguarda adesso mi trovo in un momento in cui devo lasciare il mio portafoglio il tempo di fare il suo corso. La strategia,  da qui in avanti sara’ di “ricapitalizzare” il conto trade per riportare la leva ad un livello da crociera ( 1:0.60)!

Per oggi e’ tutto! A presto e buona settimana

 

(Visited 407 times, 1 visits today)

6 Comments
  1. Roberto
    • partitodazero
  2. antonio
    • partitodazero
  3. Giuliano
    • partitodazero

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *